COME SCEGLIERE IL FONDOTINTA ????????

Regole specifiche per una scelta corretta

L’abitudine e le preferenze contano molto: c’è a chi piace il fondotinta liquido e chi gradisce solo i compatti.

Il sentirsi bene nella propria pelle (è il caso di dirlo) va sempre considerato tra i criteri di scelta. Con una premessa: nessun fondotinta di nuova generazione dà un effetto artificioso, come un tempo.

“Dopo aver capito qual è la texture che tolleriamo meglio (al punto da non sentirla), si passa a comprendere l’esigenza del proprio viso: idratante, antiage, antilucido, antimacchia, confort assoluto ecc. – spiega il make up artist.

Come si sceglie il fondotinta

La regola fondamentale di scelta è la seguente: il fondotinta va sempre usato tono su tono della pelle o di un tono più chiaro. Il motivo è semplice: se si usasse un fondotinta più scuro si scurirebbe qualsiasi imperfezione (macchie, pori dilatati, rughe, linee d’espressione…). “Immaginiamo il viso come una tela bianca: se è macchiata è difficile correggere qualcosa, se il primo colore con cui si inizia a dipingere è scuro” . Il colore deve essere tono su tono, e questo va preso come un “imperativo categorico“.

Dove va provato

Sotto il polso, perché è il colore più vicino a quello della pelle del viso. Ciò vale nel periodo compreso tra la fine di settembre e la fine di maggio, cioè da quando si smette di prendere il sole diretto. Ed è anche il periodo in cui il fondotinta andrebbe sempre indossato.
Dalla primavera inoltrata alla fine dell’estate invece il fondotinta può essere provato al centro della guancia. Anche se non ci esponiamo ai raggi diretti, la pelle cambia colore perché la melanogenesi (il processo di pigmentazione della pelle) si attiva. Inoltre i melanociti hanno memoria: se sei abituata ad esporti, già ad aprile, camminando per strada, la pelle comincia gradualmente a dorarsi, poiché la melanina viene in superficie. È il caso quindi di usare creme colorate più leggere, che tecnicamente si chiamano “terre liquide”.

Perché usarlo?

“D’inverno il fondotinta andrebbe sempre usato, perché è una protezione fondamentale da freddo, agenti inquinanti, e alterazioni dovute allo stress (è stato studiato che una delle maggiori cause di invecchiamento è proprio lo stress insieme all’inquinamento). Ciò è tanto più vero soprattutto se si abita nelle grandi città.

Se si pensa alle mani che, lavate con acqua e sapone, “producono” acqua nera, figuriamoci cosa accade sul viso alla fine della giornata! Basta fare la prova del cotone intinto in latte e/o tonico per avere la dimostrazione dello “sporco” da città che si deposita sulla pelle, anche se non ci si trucca.

Il fondotinta fa da vero e proprio cappottino alla pelle: previene le allergie, le irritazioni, gli arrossamenti; neutralizza gli attacchi di smog e polvere, oltre a dare maggiore confort alla pelle.

La crema idratante giorno da sola non basta, poiché le micro-polveri inquinanti si impastano con la crema stessa, ed entrano nella pelle. Sembra un paradosso. Se invece – sopra la crema – si indossa anche il fondotinta, la pelle rimane protetta. Ha dunque un valore curativo“.

Copertura: ad ognuna il suo fondotinta

In una scala di copertura da 1 a 10, la scelta del fondotinta dipende – oltre che dalle esigenze della pelle – anche dal gusto individuale della cliente. C’è chi ama gli effetti più “naturali” e chi quelli più “viso di porcellana”. Anche se ormai tutti i fondotinta moderni garantiscono un effetto naturale, a prescindere dalla copertura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...