MODA CAPELLI Autunno/inverno 2018

Quali saranno i tagli, le tendenze  più cool della moda capelli dell’autunno inverno 2017-2018? 

Dal wob al bowl, dal medio scalato alle onde vintage, le proposte per la prossima stagione soddisfano tutte le esigenze di look e di praticità. Comincia a farti un’idea…

shutterstock_485070154-980x480

 

La moda capelli dell’autunno-inverno 2017-2018 porta con sé grandi novità in fatto di tagli e  tendenze , ma riconferma al tempo stesso alcuni must-have che hanno spopolato nella stagione precedente e che continueranno a dare del filo da torcere alle novità capelli 2018, soprattutto per quanto riguarda i colori.

Ma procediamo con ordine. Quali saranno i tagli e le tendenze top da sfoggiare nell’inverno 2018? Via libera a scalature e tagli frastagliatihaircut cortissimi – specie se in stile boyish – onde vintage e riga in mezzo. Banditi i tagli alla pari e le linee geometriche e regolari: la moda capelli 2018 vuole dinamismo, volume e movimento. E la frangia? Ovviamente sì, ma mini o maxi: addio mezze misure, ma anche il ciuffo scalato conoscerà una stagione fortunata, soprattutto in abbinata con lob e wob sfilatissimi.

shutterstock_457582534-980x480

Le proposte per il prossimo autunno inverno soddisfano tutti i gusti e tutte le esigenze, dai tagli di capelli con frangia o senza, dal wob al bowl, dal medio scalato alle onde vintage.  Scorri la gallery con i trend visti alle sfilate A/I 2017-2018 e scegli il tuo taglio di capelli del cuore.

LA MINI FRANGIA

La frangia cortissima e dritta è trendy quando completa un taglio di capelli lunghi leggermente scalato. Perfetta sui capelli lisci, sta bene anche a chi ha i capelli leggermente mossi (sfilata Adeam).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-adeam

Il bowl cut

Chi ha lineamenti sottili con zigomi pronunciati (sconsigliato a chi il viso tondo) e capelli lisci e sottili può lanciarsi in un bowl cut o taglio a scodella, il taglio di capelli di moda negli Anni Sessanta (sfilata Akris).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-akris-1.jpg

Il medio scalato

I tagli pari abbandonano la scena per lasciare spazio ai tagli con punte molto scalate e sfilate, soprattutto sulle lunghezze medie, con giochi di volumi e movimento (sfilata Akris).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-akris

La maxi frangia

La frangia non ha mezze misure: è cortissima oppure lunghissima a coprire le sopracciglia e anche oltre. Si abbina ai capelli lunghi ma anche a tagli di capelli corti come il bob e il lob (sfilata Each x Othe)

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-each-x-other

Il bob corto

Cortissimo e con sfumatura alta. Questo caschetto, che ha lunghezze medie davanti e cortissime dietro, rende il massimo con i capelli naturalmente mossi, ma è adatto anche a chi ha capelli lisci e grossi (sfilata Dior Haute Couture).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-dior-hc.jpg

Il pixie cut

Adorato ancora oggi da molte celebrities, il PIXIE CUT ( ovvero taglio folletto)  ha segnato un’epoca: gli Anni Sessanta, grazie anche alla sua testimonial più famosa, Twiggy. È ancora attualissimo, con le sue ciocche scomposte di diverse lunghezze, corte dietro e più lunghe davanti (sfilata Les Copains).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-grinko

Lunghi con le onde

Per chi ha capelli folti, spessi e naturalmente mossi, è perfetto questo taglio più lungo davanti e più corto dietro, con punte sfilate e mosso da onde morbide e regolari. Da abbinare alla scriminatura centrale (sfilata Dior).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-dior.jpg

 

Il wob sfilato

Tagli capelli 2017-2018: le tendenze per l'inverno

Il lob mosso o wob, si porterà con la riga centrale e con le punte scalate e sfilate. È adatto sia a capelli sottili, sia a capelli grossi (sfilata La Perla).

 

Il corto à la garçonne

Tagli capelli 2017-2018: le tendenze per l'inverno

Taglio intramontabile, il corto à la garçonne, ovvero alla maschietto torna ogni stagione. Quest’inverno ha un mood più femminile, ammorbidito da ciuffi e basette lunghe (sfilata Grinko).

La frangia con lo sfilato

Tagli capelli 2017-2018: le tendenze per l'inverno

La frangia lunga che copre le sopracciglia, quest’inverno andrà in coppia con un taglio di capelli lungo, scalato e sfilato (sfilata Lutz Huelle).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quale taglio preferite ? 

I 4 tagli di capelli da provare perché fanno sembrare più giovani.

Come ottenerli, pettinarli e preservarli. Beauty-tips per forever Young!

 

Se esistono i tagli perfetti per le over 30, quelli da evitare per non sembrare più vecchie, ci sono anche quelli (miracolosi?) da portare con gioia perché fanno sembrare più giovani. L’importante è azzeccarlo e pettinarlo al meglio. Ma a quale compromesso, penserete. Praticamente nessuno perché i tagli più freschi e divertenti non sono per forza i più audaci.Non solo il corto fa teenager, anzi. Ecco 4 tra i tagli forever young da provare questa estate e sempre:

IL BOB CLASSICO
Cosa chiedere al parrucchiere: un bob angolato che sfiori il mento e che diventi progressivamente (ma non troppo) più corto via via che si arriva alla parte posteriore. N.B.: se avete i capelli fini, meglio scegliere un taglio netto e non progressivo, in questo modo la chioma acquisterà più volume.
Perché fa sembrare più giovani: il bob regala al volto una dolcezza inaspettata, e la diagonale fa sì che l’attenzione si concentri sullo sguardo e l’angolo creerà l’illusione di avere zigomi più sollevati.
Cosa evitare: il taglio bob troppo corto rischia di non essere più un bob. Il taglio nella parte posteriore non deve superare la linea della nuca, o l’hairstyle apparirà disordinato. Su visi dalla forma tonda, evitare il bob arrotondato, preferitelo sfilato.

bob-classico

IL PIXIE SCALATO E SFILATO
Cosa chiedere al parrucchiere: un taglio corto, il più possibile scalato e leggero. Questo look “a strati” archivia l’eccessiva definizione che coloro che hanno lineamenti marcati dovrebbero evitare. La lunghezza del corto non deve superare la metà del collo.
Perché fa sembrare più giovani: la stratificazione assicura pienezza e volume. È questo il taglio consigliabile a coloro che hanno capelli sottili e molto sottili, specialmente sui lati o nella parte posteriore della chioma. Il taglio corto e scalato permette anche di giocare con il look ed essendo molto plasmabile si adatta a diversi stili. In una parola, è in assoluto il taglio più fresco che si possa scegliere.
Cosa evitare: una scalatura che non rispetta le proporzioni. Il rischio? Se i ciuffi rimangono troppo corti sui lati e troppo lunghi nella parte posteriore, il taglio risulterà disequilibrato e l’effetto molto poco giovanile, anzi.

pixie-scalato-classico

IL TAGLIO LUNGO MA SCALATO
Cosa chiedere al parrucchiere: stratificazione graduale e morbida. Questo è il taglio che meglio si addice a color che hanno capelli fitti e corposi. I livelli dovrebbero partire dal più corto: lungo non oltre la guancia, il medio: all’altezza del mento, e il lungo: che arriva alle spalle (e oltre).
Perché fa sembrare più giovani: il lungo ingentilisce i lineamenti, il lungo scalato ancora di più. I capelli lunghi poi, sono per eccellenza il taglio più young in assoluto, e nella versione scalata la scelta più contemporanea che si possa fare.
Cosa evitare: scalature nette, soprattutto all’altezza degli zigomi. Parola d’ordine per questo taglio è: gentilezza.

taglio-lungo-ma-scalato

LA FRANGIA O IL CIUFFO FRANGIA
Cosa chiedere al parrucchiere: usare le parole “soffice” e “leggero” per assicurarsi un taglio equilibrato che sia corto al punto giusto. Ila parte più corta del ciuffo deve terminare all’altezza del sopracciglio, quella più lunga raggiungere lo zigomo.
Perché fa sembrare più giovani: sia la frangia che il ciuffo frangia oltre a regalare allure sbarazzina e attitudine forever young, nascondono le imperfezioni e le rughe della fronte. L’asimmetria del taglio inoltre crea l’illusione di una maggiore pienezza, molto teen.
Cosa evitare: una frangia troppo netta. Un taglio da lasciare alle giovani e giovanissime. Disegnare una linea troppo dura sulla fronte rischia di indurire lo sguardo.

la-frangia-o-ciuffo-a-frangia

 

Borse O Bag Autunno Inverno 2015/2016

Comode, pratiche, resistenti e cool: ecco le caratteristiche delle borse O Bag per l’AI 2015/2016 che con i dettagli fur, frange e tartan ci conquistano anche in questa stagione.

Possiamo sperare in qualcosa di più perfetto per l’inverno di una borsa che sia allo stesso tempo trendy e impermeabile, chic e comodissima, facile da abbinare e pratica? No, in effetti le borse O Bag per l’Autunno Inverno 2015 2016 sembrano soddisfare tutti i nostri desideri: sono bellissime e resistenti, proprio come dovrebbe essere ogni borsa pensata per una stagione fredda in città.

A rendere speciale questa collezione di borse O Bag sono certamente i dettagli, del resto ormai silhouette e texture di questo brand le conosciamo bene. Le decorazioni lungo il bordo rendono ogni borsa O bag assolutamente unica: il tartan, la pelliccia, versione maculata o coloratissima a seconda dei gusti, le frange, grande trend di stagione, concorrono a farne l’accessorio must have di questa stagione.

Anche per quanto riguarda la palette di colori spaziamo molto perché c’è il classico grigio, ma non mancano colori più vivaci come il celeste o nuance ritenute a torto più estive come il bianco. Per chi predilige un look più sobrio ci sono modelli che giocano con il ton sur ton fra corpo della borsa vera e propria e decorazioni; chi invece aspira ad un look più originale troverà soddisfazione nella versione a contrasto in cui, ad esempio, a un secchiello pesca viene abbinato un bordo in lana grigio.

La donna di CHRISTIAN DIOR….

Eleganza, delicatezza, ricercatezza. E’ questa l’aria che si respira in casa Dior.

dior

Sfida difficile quella di reinventare lo stile del famoso marchio, ma non per Raf Simons direttore artistico di Christian Dior. Con superba maestria il couturier è riuscito di fatto a mantenere i segni iconici della casa modificandone lo spirito e l’essenza, la collezione si compone dei classici tailleur, che però ritrovano nuova vita nelle linee proposte in passerella. Basta con i richiami alla leggiadria, quest’anno la donna che ci propone è la donna-animalié, selvaggia, forte, libera ma sempre sensuale. Una collezione molto femminile, contemporanea, con un rigore che passa anche attraverso le silhouette.

imagesM5KMS7CK  dior

Tinte accese di giallo, di arancione o di rosso, macchiano tonalità scure come il marrone, il nero o il blu dando vita a fantasie animalier e camouflage; un gioco di contrasti che rimanda un po’ al futurismo e all’astrattismo. Audace si potrebbe pensare, ma non finisce qui. Ci sono cappotti lunghi, doppio petto, blazer oversize, tute attillate, una silhouette in chiave anni ’60, le gonne si fanno corte e gli abitini si fanno molto freschi e giovani.

borse e  scarpe

Non passano inosservati nemmeno gli accessori, borse e scarpe in prima linea: stivali in vinile, alti fin sopra il ginocchio e con tacco in plexiglass squadrato e punte affusolate , borse da portare in mano che risentono dei colori della collezione, ma anche tracolline e modelli più piccoli pensati per la sera. Una vera e propria ventata di aria fresca in casa Dior quest’anno con pennellate di colore che macchiano anche l’iconica borsa ‘diorama’. I tagli asimmetrici dei capi fluidificano il movimento dell’abito, rifacendosi sempre al tema della donna più libera. Anche la scelta dei tessuti non è stata lasciata al caso: Cady di seta, Crèpe di lana, organza e tweed; un divertente mix tra stoffe più o meno leggere conbinate col tweed, tessuto maschile per antonomasia, casual e sportivo. L’esperimento Simons può considerarsi riuscito a parer mio, il designer ha praticamente realizzato il perfetto connubio tra uomo e donna in una sola natura.

simons

MAKE-UP OCCHI SCURI

Noi donne molto spesso, pur avendo magari dei bei tratti somatici e dei bei colori, abusando di prodotti cosmetici e per il make up, credendo di essere più belle, in realtà rischiamo di appesantire i nostri tratti, rendendoci volgari e molto spesso, meno carine di quanto in realtà siamo, infatti se dobbiamo truccarci, dobbiamo farlo bene, altrimenti meglio evitare direttamente.

Non sempre, però, si sceglie un trucco adatto e semplice da realizzare. Ecco alcuni consigli per creare un trucco perfetto per occhi marroni da giorno, pomeriggio o sera.

Per realizzare un trucco da giorno dobbiamo utilizzare dei colori tenui, che diano luminosità allo sguardo, ma senza apparire eccessivi e calcati.

Partite stendendo un velo di primer sugli occhi e lasciatelo asciugare. Dovrete poi applicare l’ombretto, scegliendolo nelle tonalità del viola, blu, grigio e nero, preferibilmente brillantinati. Se i vostri occhi sono marroni e siete piuttosto abbronzate affidatevi alle tonalità bronzo o oro, ma anche argento sull’ arcata sopraccigliare potrebbe fare al caso vostro, per la palpebra mobile invece optate per un ombretto marrone scuro. Un’idea veloce e pratica, da realizzare in pochi minuti, è l’utilizzo dell’eyeliner. Una linea decisa e ben fatta con un eyeliner, infatti, in un solo gesto definisce ed impreziosisce lo sguardo, senza però appesantirlo. Scegliamo il classico colore nero, semplice da abbinare e molto efficace, che risalta il colore scuro degli occhi. Dopo aver tracciato una linea precisa e netta lungo l’attaccatura delle ciglia superiori, applichiamo direttamente un velo di mascara ed il gioco è fatto.

Per una serata particolare, potreste truccare i vostri occhi con i toni del nero sulla palpebra mobile e dell’ argento o dei beige matt sull’ arcata, poi applicate l’ eye liner ed il mascara. Se avete gli occhi neri o comunque molto scuri, potreste optare per degli ombretti color prugna o borgogna, da sfumare eventualmente con un ombretto oro scintillante per un trucco serale, con un beige matt per un trucco molto portabile da giorno. Se i vostri occhi invece sono marrone tendente al nocciola, i colori che meglio si adattano alla vostra tonalità di occhi scuri, sono invece il viola, l’iris ed il lilla chiaro.

Truccare dgli occhi è quasi un “obbligo” per la donna moderna, che ama apparire sempre preparata ed in perfetta forma in tutte le occasioni.:) 🙂 🙂

Moschino SS 2016

Help! Danger! Achtung! Come vespe fameliche, alla fashion week  di Milano le donne Moschino per la primavera-estate 2016 sono indomabili e vestono colori adatti a far sapere al mondo chi comanda, ma senza prendersi troppo sul serio.

Prendete abiti dalla forma classica e confezionateli con quelle reti arancioni che servono a chiudere le zone di cantiere o con tessuti stampati di ispirazione pop o, ancora, rivestiteli di frange che si aprono e richiudono a ogni passo e otterrete la nuova collezione SS 2016 di Jeremy Scott per Moschino.

Il brand si distingue da sempre per il suo modo scanzonato e irriverente di leggere i dettami della moda e questa collezione non è da meno. Sulla passerella vediamo volare le Super Chicche e le modelle indossano con disinvoltura coni stradali e caschetti di protezioni mentre in testa ci riecheggiano Christina Aguilera e Missy Elliot che cantano Car Wash.

Alle amanti del sobrio possiamo dire questo: se non vi sentite come Alex Owens (la protagonista di Flashdance!) o non volete rientrare in contatto con la bambina che è in voi, questa collezione potrebbe non fare per voi.

Lavori in corso: il trionfo del giallo e dell’arancione SS 2016

Nomen omen: in barba ai consigli della nonna che ci dice di non vestirci di giallo o di arancione per non attirare tutti i moschini, Moschino veste la sua donna di un giallo talmente acceso da vedersi dallo spazio e, nello spazio, questa donna potrebbe anche muoversi comodamente.

Jeremy sfrutta infatti le forme del tailleur Chanel unendole a tessuti lucidi e piacevoli oppure ridisegna giacche lunghe e vestiti con gonna a palloncino scambiando un classico nero con una bella fantasia a fiori o con intriganti e ampie bande traforate gialle e arancioni.

Perfino quando usa il nero non riesce a essere serio e gioca ad appaiarlo con strisce bianche e arancioni o gialle e nere, a seconda se decide di guardare un cantiere in Italia o in America.

Alcune fantasie e la forma di certi abiti dalla gonna a ruota gonfia potrebbero risultare vagamente retrò ma si mescolano ad abiti spazzola di autolavaggio tanto irriverenti che il rimando al passato si perde in un cartone animato.

Magari alcuni modelli lasciano con qualche punto interrogativo, leggi lo struzzo giallo, ma nel complesso i colori proposti da Moschino sono estivi e divertenti quanto basta per farci venir voglia di fare acquisti.

Le borse e i cappelli presentati da Moschino per la SS 2016 sono pensati come demoni tentatori per chiunque ami collezionare accessori vistosi. I suoi caschetti di protezione con la veletta e le borse a cono segnaletico sono quanto di più squisitamente stupido si sia visto in passerella, finora almeno, ma non possiamo fare a meno di immaginarci a passeggio con il nostro bel conetto a tracolla.

Per le occasioni più formali si può passare a una borsa dalla forma molto sobria che si accende di giallo neon e arancione con maxi logo in nero da abbinare a scarpe alte che sembrano messe insieme sul momento girando intorno al piede l’ennesimo metro di nastro da cantiere. Menzione d’onore allo stivale alla coscia, sempre bianco e arancione, che, con la giusta maglia lunga, può passare per la tutina di Super Girl.

Uno sguardo sottolineato da una sottile ed elegante linea nera, praticamente perfetta.

Stufe di fare un pasticcio con l’eyeliner? Non buttatelo in fondo al cassetto!

Nei decenni è cambiato lo stile, la forma e persino il colore, ma l’eyeliner resta un grande classico della storia del make up. Si tratta di un vero e proprio strumento di seduzione: vi regala uno sguardo intenso e penetrante, dallo stile intramontabile. Non solo, ma l’eyeliner è l’unico in grado di rimodellare la forma dei vostri occhi, rendendoli più grandi e più belli in un semplice gesto.

Nella realtà però, ogni volta che provate ad applicare l’eyeliner il risultato è un completo disastro: colore che si stampa su tutta la palpebra, macchie, sbavature, tremolii vari, occhi arrossati e differenze tra un occhio e l’altro. Ecco, il problema risiede proprio in quel “semplice gesto”! Tutte concordiamo sullo splendido effetto che ha l’eyeliner, ma poche sono in grado di stendere un tratto netto e preciso. Ma riuscire ad applicare l’eyeliner nel modo corretto è possibile, utilizzando questi semplici consigli:

Usare la matita come guida

Se non avete la mano ferma, fate prima una riga con la matita (sarà più semplice cancellare eventuali errori) e poi ripassatela con l’eyeliner.

Fate durare più a lungo l’eyeliner sovrapponendo l’ombretto

Per prima cosa delineate gli occhi con mattita o eyeliner, poi con pochissimo ombretto in polvere applicato con un pennello sottile ripasatte la linea attorno agli occhi: fisserà l’eyeliner facendolo durare più a lungo.

Se il vostro eyeliner si scioglie, mettetelo in freezer

Può accadere che, se conservato nel modo errato, l’eyeliner tenda a sciogliersi, perdendo definizione nel tratto. Risolvete il problema mettendolo in congelatore per 10 minuti prima di applicarlo.

Realizzate un trucco naturale applicando l’eyeliner fra le ciglia

Non è detto che si debba per forza applicare l’eyeliner nel modo classico: anche riempiendo gli spazi fra le ciglia della palpebra superiore, da sotto, otterrete un effetto molto bello e naturale, senza la necessità di essere troppo precise.

Usare il marrone anzichè il nero per avere um effetto più soft

Per imparare ad usare l’eyeliner optate per il marrone: è più delicato nell’effetto e più semplice da correggere, si adatta a tutti i colori dell’iride e lo potete portare anche con il trucco da giorno.

Correggete le sbavature con la matita color carne

Se volete nascondere le sbavature o rendere il tratto di eyeliner che avete appena finito di applicare più sottile, stendete una riga di matita color carne subito sopra quella dell’eyeliner, alla distanza necessaria. E’ un trucco utile anche quando sbagliate a applicare l’eyeliner ma non potete toglierlo e ricominciare.

Aggiungere dei glitter ed è subito festa!

Dovete passare dall’ufficio a una cena o a una festa, senza ripassare da casa?

Nessun problema: affiancate alla riga di eyeliner da giorno un secondo contorno di eyeliner glitterato.

L’effetto serata è assicurato 🙂

Per ottenere un angolo preciso, andate al contrario

Anzichè procedere a tracciare la riga verso l’esterno, fatela al contrario: in questo modo vi sarà più semplice capire dove terminerà l’angolo esterno, e tracciare la riga di conseguenza.

Non premere troppo l’applicatore

Se premete troppo la punta dell’eyeliner sulla palpebra, la riga sarà più grossa ed irregolare. E’ necessario procedere con mano leggera, e terminare la virgola finale con ancora maggiore delicatezza.

Se non riuscite a fare una riga precisa, correggetela con i bastoncini di cotone

Se proprio non ce la fate a tracciare una riga netta e precisa in nessun modo rimane l’ultima possibilità : fate la riga come vi viene poi correggetela dove è sbavata con un bastoncino di cotone imbevuto di struccante per occhi

Spero che questi semplici consigli vi possano aiutare 🙂 baci a tutte