MODA CAPELLI Autunno/inverno 2018

Quali saranno i tagli, le tendenze  più cool della moda capelli dell’autunno inverno 2017-2018? 

Dal wob al bowl, dal medio scalato alle onde vintage, le proposte per la prossima stagione soddisfano tutte le esigenze di look e di praticità. Comincia a farti un’idea…

shutterstock_485070154-980x480

 

La moda capelli dell’autunno-inverno 2017-2018 porta con sé grandi novità in fatto di tagli e  tendenze , ma riconferma al tempo stesso alcuni must-have che hanno spopolato nella stagione precedente e che continueranno a dare del filo da torcere alle novità capelli 2018, soprattutto per quanto riguarda i colori.

Ma procediamo con ordine. Quali saranno i tagli e le tendenze top da sfoggiare nell’inverno 2018? Via libera a scalature e tagli frastagliatihaircut cortissimi – specie se in stile boyish – onde vintage e riga in mezzo. Banditi i tagli alla pari e le linee geometriche e regolari: la moda capelli 2018 vuole dinamismo, volume e movimento. E la frangia? Ovviamente sì, ma mini o maxi: addio mezze misure, ma anche il ciuffo scalato conoscerà una stagione fortunata, soprattutto in abbinata con lob e wob sfilatissimi.

shutterstock_457582534-980x480

Le proposte per il prossimo autunno inverno soddisfano tutti i gusti e tutte le esigenze, dai tagli di capelli con frangia o senza, dal wob al bowl, dal medio scalato alle onde vintage.  Scorri la gallery con i trend visti alle sfilate A/I 2017-2018 e scegli il tuo taglio di capelli del cuore.

LA MINI FRANGIA

La frangia cortissima e dritta è trendy quando completa un taglio di capelli lunghi leggermente scalato. Perfetta sui capelli lisci, sta bene anche a chi ha i capelli leggermente mossi (sfilata Adeam).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-adeam

Il bowl cut

Chi ha lineamenti sottili con zigomi pronunciati (sconsigliato a chi il viso tondo) e capelli lisci e sottili può lanciarsi in un bowl cut o taglio a scodella, il taglio di capelli di moda negli Anni Sessanta (sfilata Akris).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-akris-1.jpg

Il medio scalato

I tagli pari abbandonano la scena per lasciare spazio ai tagli con punte molto scalate e sfilate, soprattutto sulle lunghezze medie, con giochi di volumi e movimento (sfilata Akris).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-akris

La maxi frangia

La frangia non ha mezze misure: è cortissima oppure lunghissima a coprire le sopracciglia e anche oltre. Si abbina ai capelli lunghi ma anche a tagli di capelli corti come il bob e il lob (sfilata Each x Othe)

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-each-x-other

Il bob corto

Cortissimo e con sfumatura alta. Questo caschetto, che ha lunghezze medie davanti e cortissime dietro, rende il massimo con i capelli naturalmente mossi, ma è adatto anche a chi ha capelli lisci e grossi (sfilata Dior Haute Couture).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-dior-hc.jpg

Il pixie cut

Adorato ancora oggi da molte celebrities, il PIXIE CUT ( ovvero taglio folletto)  ha segnato un’epoca: gli Anni Sessanta, grazie anche alla sua testimonial più famosa, Twiggy. È ancora attualissimo, con le sue ciocche scomposte di diverse lunghezze, corte dietro e più lunghe davanti (sfilata Les Copains).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-grinko

Lunghi con le onde

Per chi ha capelli folti, spessi e naturalmente mossi, è perfetto questo taglio più lungo davanti e più corto dietro, con punte sfilate e mosso da onde morbide e regolari. Da abbinare alla scriminatura centrale (sfilata Dior).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-dior.jpg

 

Il wob sfilato

Tagli capelli 2017-2018: le tendenze per l'inverno

Il lob mosso o wob, si porterà con la riga centrale e con le punte scalate e sfilate. È adatto sia a capelli sottili, sia a capelli grossi (sfilata La Perla).

 

Il corto à la garçonne

Tagli capelli 2017-2018: le tendenze per l'inverno

Taglio intramontabile, il corto à la garçonne, ovvero alla maschietto torna ogni stagione. Quest’inverno ha un mood più femminile, ammorbidito da ciuffi e basette lunghe (sfilata Grinko).

La frangia con lo sfilato

Tagli capelli 2017-2018: le tendenze per l'inverno

La frangia lunga che copre le sopracciglia, quest’inverno andrà in coppia con un taglio di capelli lungo, scalato e sfilato (sfilata Lutz Huelle).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quale taglio preferite ? 

I 4 tagli di capelli da provare perché fanno sembrare più giovani.

Come ottenerli, pettinarli e preservarli. Beauty-tips per forever Young!

 

Se esistono i tagli perfetti per le over 30, quelli da evitare per non sembrare più vecchie, ci sono anche quelli (miracolosi?) da portare con gioia perché fanno sembrare più giovani. L’importante è azzeccarlo e pettinarlo al meglio. Ma a quale compromesso, penserete. Praticamente nessuno perché i tagli più freschi e divertenti non sono per forza i più audaci.Non solo il corto fa teenager, anzi. Ecco 4 tra i tagli forever young da provare questa estate e sempre:

IL BOB CLASSICO
Cosa chiedere al parrucchiere: un bob angolato che sfiori il mento e che diventi progressivamente (ma non troppo) più corto via via che si arriva alla parte posteriore. N.B.: se avete i capelli fini, meglio scegliere un taglio netto e non progressivo, in questo modo la chioma acquisterà più volume.
Perché fa sembrare più giovani: il bob regala al volto una dolcezza inaspettata, e la diagonale fa sì che l’attenzione si concentri sullo sguardo e l’angolo creerà l’illusione di avere zigomi più sollevati.
Cosa evitare: il taglio bob troppo corto rischia di non essere più un bob. Il taglio nella parte posteriore non deve superare la linea della nuca, o l’hairstyle apparirà disordinato. Su visi dalla forma tonda, evitare il bob arrotondato, preferitelo sfilato.

bob-classico

IL PIXIE SCALATO E SFILATO
Cosa chiedere al parrucchiere: un taglio corto, il più possibile scalato e leggero. Questo look “a strati” archivia l’eccessiva definizione che coloro che hanno lineamenti marcati dovrebbero evitare. La lunghezza del corto non deve superare la metà del collo.
Perché fa sembrare più giovani: la stratificazione assicura pienezza e volume. È questo il taglio consigliabile a coloro che hanno capelli sottili e molto sottili, specialmente sui lati o nella parte posteriore della chioma. Il taglio corto e scalato permette anche di giocare con il look ed essendo molto plasmabile si adatta a diversi stili. In una parola, è in assoluto il taglio più fresco che si possa scegliere.
Cosa evitare: una scalatura che non rispetta le proporzioni. Il rischio? Se i ciuffi rimangono troppo corti sui lati e troppo lunghi nella parte posteriore, il taglio risulterà disequilibrato e l’effetto molto poco giovanile, anzi.

pixie-scalato-classico

IL TAGLIO LUNGO MA SCALATO
Cosa chiedere al parrucchiere: stratificazione graduale e morbida. Questo è il taglio che meglio si addice a color che hanno capelli fitti e corposi. I livelli dovrebbero partire dal più corto: lungo non oltre la guancia, il medio: all’altezza del mento, e il lungo: che arriva alle spalle (e oltre).
Perché fa sembrare più giovani: il lungo ingentilisce i lineamenti, il lungo scalato ancora di più. I capelli lunghi poi, sono per eccellenza il taglio più young in assoluto, e nella versione scalata la scelta più contemporanea che si possa fare.
Cosa evitare: scalature nette, soprattutto all’altezza degli zigomi. Parola d’ordine per questo taglio è: gentilezza.

taglio-lungo-ma-scalato

LA FRANGIA O IL CIUFFO FRANGIA
Cosa chiedere al parrucchiere: usare le parole “soffice” e “leggero” per assicurarsi un taglio equilibrato che sia corto al punto giusto. Ila parte più corta del ciuffo deve terminare all’altezza del sopracciglio, quella più lunga raggiungere lo zigomo.
Perché fa sembrare più giovani: sia la frangia che il ciuffo frangia oltre a regalare allure sbarazzina e attitudine forever young, nascondono le imperfezioni e le rughe della fronte. L’asimmetria del taglio inoltre crea l’illusione di una maggiore pienezza, molto teen.
Cosa evitare: una frangia troppo netta. Un taglio da lasciare alle giovani e giovanissime. Disegnare una linea troppo dura sulla fronte rischia di indurire lo sguardo.

la-frangia-o-ciuffo-a-frangia

 

10 MUST HAVE SU CUI PUNTARE

Sono i dieci key pieces su cui puntare questa stagione.

Da mixare, reinventare e sfoggiare per sentirsi subito molto glam .

Ogni stagione ha i suoi irrinunciabili key pieces, quelli la prossima primavera sono 10.
Scopriteli in questa gallery:

1. Il chiodo: dimenticate il solito nero, adesso è super colorato, dorato o addirittura effetto rainbow.

2. La tuta: un indispensabile “problem solving” basta cambiare gli accessori e diventa il passe-partout night & day. Sneakers di giorno, stiletti di sera. E non c’è il problema degli abbinamenti sopra/sotto.

3. Il trench: non è primavera senza un soprabito beige. Il rain-coat è un classico che si rinnova. Il più nuovo sembra un abito.

4. Righe + tapestry: potrebbe sembrare un azzardo, ma se un classico del guardaroba maschile incontra la stampa floreale l’effetto è super glam.

5. L’abito lungo: che sia a fiori o tinta unita è un irrinunciabile del guardaroba estivo. L’idea in più? Se non fa ancora caldo, indossarlo con i biker boots. Per un look molto grintoso.

6. La gonna a pieghe: sempre bon ton, ma con un twist in più se si sceglie il modello in denim o si abbina al chiodo e a pezzi stile navy. Perfetta con la marinière.

7. Parka: quello stile military ha lasciato il posto alla versione più giocosa. Il più glam ha cascate di maxi pois.

8. Il kimono: è la nuova giacca, si indossa come fosse un cardigan e regala subito un allure contemporanea e très chic. Da provare con camicia bianca e denim.

9. Pijama: la tendenza continua e non si arresta. Adesso c’è la versione microfantasia, tuta o colorblock e con accessori etno-glam.

10. Caban: non solo di giorno, la giacca di tela un po’ sportiva si porta con tutto. Anche di sera e col cocktail-dress.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

LE SALON DE LA MODE

ISPIRAZIONE

Nasce nel ‘600, con Catherine De Vivonne, il concetto del celebre salotto parigino dove cultura e confronto entrano in sinergia dando vita ad atmosfere nuove ed inconfondibili. LE SALON DE LA MODE, presenta in modo del tutto originale un provisional shopping rivolto allo slow fashion made in Italy. Designers selezionati potranno entrare in un circuito nuovo, studiato appositamente per presentare e far conoscere, in uno spazio d’eccellenza e di prestigio, le loro creazioni.

OBIETTIVO

E’ di dar vita ad un format che vede protagonista lo stile unico e non convenzionale della grande italianità, valorizzando quella tradizione nazionale che viene intesa come patrimonio imprescindibile e come elemento di distinzione e di valore puro.

SELEZIONE DEI BRAND

La selezione dei marchi presentati è il risultato di un’approfondita attività di ricerca delle tendenze del momento e di un’attenta analisi dei consumi svolta da un team esperto nello studio dei trend.

STAFF TECNICO

Lo Staff Tecnico è costituito da un TEAM di esperti professionisti del settore. Tale gruppo di ricerca provvederà, inoltre, ad esporre i brands in maniera originale e creativa negli spazi predestinati, affinchè essi possano essere valorizzati con cura al massimo delle loro potenzialità.

VALORIZZAZIONE DEI BRAND

Attraverso una giusta selezione che permette una presentazione armonica e sinergica tra gli espositori.

LOCATION

Prestigiose

Comunicazione efficace attraverso i più importanti Media

Presenza dell’Expert Fashion in Brand

La garanzia della presenza di un membro Istituzionale che sostiene il VALORE del Made in Italy nel Fashion e nella sfera Design.

FINALITA’

Un lavoro prezioso ed attento nell’osservare il sistema fashion e non solo, darà la possibilità al pubblico di vedere, conoscere e infine anche per chi desidera acquistare le creazioni in un panorama estremamente glamour. Un lavoro, questo, prezioso e attento, che darà la possibilità al pubblico di vedere e conoscere, in un panorama estremamente glamour, il mondo del fashion, offrendo ulteriormente anche l’opportunità di acquistare i capi prescelti.

Marni collezione primavera estate 2016

Nel 1994 Consuelo e Gianni Castiglioni lanciano uno dei brand più iconici nel panorama italiano, Marni, dal nome della sorella di Consuelo. Uno spirito d’avant-garde pervade le ricercate collezioni Marni. Eccentriche, femminili combinazioni di colori brillanti, audaci motivi grafici, stampe fantasia elaborata, e texture naturale. Questa l’anima del brand, uno stile unico nel suo genere. Ogni pezzo, dai prototipi ai capi, è realizzato nella sede di Milano, in modo da garantire il massimo livello di qualità.

Marni sfilata primavera estate 2016

La nuova collezione Marni crea un preciso linguaggio visivo, fatto di forme, materiali, colori, ma del tutto privo di qualsiasi riferimento identificabile. Costruisce un codice e una grammatica liberi da vincoli e norme imposte.

Mood/style:
Libertà. Libertà di pensare, di osare e di vestirsi senza seguire le convenzioni. Abbinando i colori in modo azzardato. Creando nuove silhouette. Sperimentando nuovi tessuti. Non c’è un riferimento identificabile in questa collezione di Consuelo Castiglioni che rilegge l’estetica di Marni e la traghetta verso nuovi orizzonti: il bodysuit diventa dunque la base per riscrivere queste nuove visioni.

Gli abiti si muovono, fluttuano, oscillano intorno al corpo con movimenti scultorei sottolineati da colori solidi combinati in composizioni insolite. L’apparente precarietà delle linee, con diagonali e falde che disegnano tensioni dinamiche intorno alla silhouette. L’abito di pelle si indossa in modo contraddittorio sopra il cappotto.
Tuniche perforate aggiungono un ulteriore livello di stimolazione alla complessità astratta delle stratificazioni. Paillettes allover e dot macramè esplorano la potenza visiva delle forme circolari ripetute. Drappeggiate e piegate con spontaneità studiata, le forme hanno una qualità immediata: una semplice cucitura crea la linea di una tunica, utilizzando tessuto in eccesso per definire il movimento; il raso è raccolto su un fianco per modellare un top. I pantaloni hanno volumi fluidi, le maniche linee allungate e la t-shirt bianca si indossa sotto la tunica ricamata, gli abiti a macro pois si abbinano a maxi pantaloni maschili…

Lunghezze:

sotto il ginocchio

Colori:

La palette dei colori emana energia: note primarie di blu, rosso, giallo si mescolano con toni profondi di marrone, blu, terra di Siena, bordeaux e nero. Il bianco è utilizzato come legante e cornice.

Materiali:

I tessuti hanno una fermezza tattile: pizzo, neoprene, paillettes, cristalli, raso, cotone, pelle, gabardine tecnica, velluto vetrificato e lana secca, Le stampe punteggiano la tessitura visiva: motivi silhouette e shadow hanno un aspetto organico/astratto.,

Forme:

lo scuba bodysuit viene indossato sopra abiti a pois in macramè. I pantaloni sono fluidi. L’abito di pelle si sovrappone al cappotto e le tuniche di pelle traforata rivelano bagliori di colore. L’eccesso di tessuto viene trattenuto da cuciture invisibili accompagnando il movimento del corpo o drappeggiato nei top di raso total black. I caban in pelle sono over e segnano la vita grazie a maxi cinture

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Accessori:

sandali a punta quadrata. Calzari flat. Borse a mano e clutch in pelle. Bracciali in plexi e metallo

Io adoro questa collezione e voi?

 

 

SCARPE PRIMAVERA-ESTATE 2016

Alte, altissime, ma anche rasoterra, i modelli che andranno per la maggiore sapranno accontentare davvero tutti i gusti. Vediamo, però, quali sono le ispirazioni più alla moda a cui sarà difficile resistere.

Décolleté: non esiste stagione che non abbia il suo modello di décolleté. La primavera 2016 le vuole altissime e a punta, possibilmente in uno dei colori di tendenza della stagione, come il rosa quarzo o il giallo buttercump. Rupert Sanderson, talentuoso designer britannico cresciuto alla scuola di Sergio Rossi e Bruno Magli, propone il modello Calice, 110 mm di tacco e punta stretta.

Rupert-Sanderson-650x616.png

 

Sandali con la zeppa: comodi e glamour allo stesso tempo, i sandali con la zeppa hanno il pregio di regalare centimetri in più senza dover rinunciare al comfort. Cafè Noir reinterpreta questo trend firmato Seventies, in uno stile moderno, urban e imprevedibile, con le zeppe intrecciate bianche con dettagli argento.

Cafè-noir-650x524.jpg

Stivali da cowboy: dalle mandrie sono arrivati ormai da anni agli onori delle passerelle e hanno il gran pregio che possono essere indossati praticamente con tutto. Tra le scarpe hot per la prossima primavera estate 2016, camperos e texani tornano assolutamente di moda, da sfoggiare sotto pantaloni fludi, gonne ampie o abiti dallo stile hippie. Per la cruise collection Miu Miu sceglie rondini e gattini rispolverati dagli archivi Prada, abbinati alle tinte strong del rosso, nero e azzurro. Il tacco è kitten o rasoterra.

Miu-Miu-650x650.jpg

Flatform: sono stati il modello must del 2015 e si confermano anche questa primavera estate alle porte, si tratta di una sorta di ciabatta dal plantare anatomico piatto e altissimo. Per una fanatica di scarpe possono sembrare un po’ l’anticristo della scarpe, eppure hanno fatto breccia nel cuore di molte. Quest’anno la tendenza le vuole japanese style, come quelle di Stella McCartney.

Stella-Mc-Cartney-650x650

Sandali gladiators o alla schiava: anche in questo caso si tratta della conferma di una tendenza in voga ormai da tempo. Via libera non solo ai più classici in pelle nera o color cuoio, ma anche ai più estrosi, alti fino al ginocchio, con frange, laccetti e dettagli preziosi. Quelli visti sfilare da Alberta Ferretti disegnano preziosi ricami sul polpaccio, perfetti da indossare con short cortissimi.

Alberta-Ferretti1-650x979

Sandali con tacco alto: che estate sarebbe senza i sandali con il tacco alto? Tante le proposte, dagli altissimi della collezione Young Jewels di Casadei, con ricamo all-over di cristalli, in micro rete elastica con strass, agli altrettanto alti Halley di Jimmy Choo, in azzurro, corallo e giallo, con tacco di legno dipinto e nodo alla caviglia (altro trend di stagione). Chi preferisce altezze meno pronunciate può scegliere invece il sandalo architettonico, con tacco squadrato di Marni, in bianco, nero e giallo.

 

 

 

 

Sandali flat: impreziositi da nappine, pom pom o semplici borchie, i sandali flat sono comodissimi e anche belli. Fendi gioca con altri trend di stagione, come i colori e le borchie, per realizzare una infradito rasoterra davvero elegante, perfetta per dress oversized o mini short. Santoni, invece, propone una ciabattina super chic in suede rosso, con nappine.

Sabot: che sia in classico legno con borchie, come il modello proposto da Chloé, in versione open toe, o in pelle metallizzata con cinturini incrociati trapuntati e tacco spesso curvo fasciato in pelle metallizzata, come quelli di Gucci, i sabot, o zoccoli, sono uno dei modelli di punta. Comodi e sportivi, sono perfetti con i jeans ma si abbinano bene anche con le gonne.

Chloe.jpg

 

Espadrilles: un evergreen, sì, ma rivisitato con materiali e lavorazioni che lo rendono prezioso e originale. Come dalle parti di René Caovilla: il creatore di scarpe di lusso nato tra le calli veneziane propone Coral, un modello in pizzo con ricami di coralli e strass, in rosa o azzurro. Non per tutti i portafogli, ma di assoluto successo.

Rene-Caovilla-650x455.png

Sneakers: a tutti gli effetti un nuovo must have del guardaroba femminile, immancabili negli street style più fashion, le sneakers sono un vero e proprio accessorio cult. Stagione dopo stagione, infatti, come ogni accessorio di moda che si rispetti, ci sorprendono in un mix tra nuove linee, colori sorprendenti, tecnologie e materiali hi-tech. Valentino le propone in vitello con stampa “birds” o stampa “small garden” o con suola in gomma bianca e dettaglio borchie in gomma sul retro.

Valentino2-650x366

E voi che scarpe indosserete per questa estate? Continua a leggere

Cosa indosseremo questo Autunno/Inverno???

Dall’animalier psichedelico allo stile boho-chic, dai dettagli in pelliccia al romanticismo rétro, dai collant fantasia ai tacchi massicci. Ecco  tutta la moda che verrà, ma non è stato facile. Perché mai, come per la prossima stagione, le creazioni dei designer sono state così disparate, articolate e varie. Tante e diverse, per accontentare tutte le donne, che sono per definizione una diversa dall’altra.

Dal romanticismo d’altri tempi alla pelle punk, dai colori baby alle geometrie in bianco e nero, dai tessuti tappezzeria all’animalier coloratissimo. Ecco, cosa indosseremo. Chi questo, chi quello. Nessuno si senta escluso.

Con il cambio di stagione bisogna scoprire le tendenze e tutti i must have dell’autunno/inverno 2015-2016. Anche questa volta, ho stilato la lista di quelli che sono i 10 complementi di stile che non bisogna farsi scappare, quei capi di abbigliamento ma anche accessori che ben interpretano tutti i mood del momento, dallo stile boho chic e vintage fino alle creazioni in rosso o in nero per total look che non passano certamente inosservati. Insomma, scoprite con me quali sono i 10 must have.

Iniziamo subito dai capispalla, che sono dei pezzi importantissimi quando fa freddo. Tra quelli che non dovete farvi scappare ci sono le PELLICCE, modelli dai più semplici a quelli più esclusivi, come le creazioni proposte da Armani, giocate su varie sfumature brillanti e degradé, o quelle in stile etnico di Dsquared2. Decisamente più rigorosi, classici e ideali per ogni occasione, da giorno e da sera, i cappotti cammello, eleganti e raffinati, che sostituiscono bene quelli solitamente tinti di nero.

Parliamo un momento di vestiti perché in questa fredda stagione da una parte troviamo una vasta scelta di modelli svasati a trapezio, che rievocano il mood anni ’60, dall’altra troviamo delle creazioni scivolate e solitamente in seta con bretelline sottili, tanto da essere definiti dei veri e propri ABITI IN LINGERIE CHE FIGURANO TRA LE TENDENZE MODA DEL MOMENTO, e tra i quali spiccano quelli di Alexander Wang e Dolce&Gabbana.

A proposito di colori, camel coat a parte, questa stagione fredda è particolarmente incentrata sui look total black, quindi fate spazio a maglie, pantaloni, gonne e quant’altro tinti di nero, e sul rosso, sulle varie sfumature di questa brillante nuance, dal sangue al bordeaux. Proprio su questa cromia è incentrato un altro trend imperdibile, ovvero quello che ci rivuole con indosso abiti tartan, tra cui spiccano alcuni must have 2015-2016 very cool, come le minibag di Saint Laurent e le tute gioiello di Alexander McQueen.

A proposito di look, non dimenticate un tocco vintage, preferibilmente boho chic, che potete rendere scegliendo abiti sblusati, chemisier e fantasie retrò. Tra i tessuti che dovete certamente preferire c’è il velluto, che ha conquistato nuovamente le passerelle e al quale è difficile resistere.

Infine, ritorna lo stile mascolino ma soprattutto per quanto riguarda le scarpe, dagli anfibi in pelle alle slip on gioiello, come quelle di Lanvin.

Voi cosa ne pensate? :):):):)