I 4 tagli di capelli da provare perché fanno sembrare più giovani.

Come ottenerli, pettinarli e preservarli. Beauty-tips per forever Young!

 

Se esistono i tagli perfetti per le over 30, quelli da evitare per non sembrare più vecchie, ci sono anche quelli (miracolosi?) da portare con gioia perché fanno sembrare più giovani. L’importante è azzeccarlo e pettinarlo al meglio. Ma a quale compromesso, penserete. Praticamente nessuno perché i tagli più freschi e divertenti non sono per forza i più audaci.Non solo il corto fa teenager, anzi. Ecco 4 tra i tagli forever young da provare questa estate e sempre:

IL BOB CLASSICO
Cosa chiedere al parrucchiere: un bob angolato che sfiori il mento e che diventi progressivamente (ma non troppo) più corto via via che si arriva alla parte posteriore. N.B.: se avete i capelli fini, meglio scegliere un taglio netto e non progressivo, in questo modo la chioma acquisterà più volume.
Perché fa sembrare più giovani: il bob regala al volto una dolcezza inaspettata, e la diagonale fa sì che l’attenzione si concentri sullo sguardo e l’angolo creerà l’illusione di avere zigomi più sollevati.
Cosa evitare: il taglio bob troppo corto rischia di non essere più un bob. Il taglio nella parte posteriore non deve superare la linea della nuca, o l’hairstyle apparirà disordinato. Su visi dalla forma tonda, evitare il bob arrotondato, preferitelo sfilato.

bob-classico

IL PIXIE SCALATO E SFILATO
Cosa chiedere al parrucchiere: un taglio corto, il più possibile scalato e leggero. Questo look “a strati” archivia l’eccessiva definizione che coloro che hanno lineamenti marcati dovrebbero evitare. La lunghezza del corto non deve superare la metà del collo.
Perché fa sembrare più giovani: la stratificazione assicura pienezza e volume. È questo il taglio consigliabile a coloro che hanno capelli sottili e molto sottili, specialmente sui lati o nella parte posteriore della chioma. Il taglio corto e scalato permette anche di giocare con il look ed essendo molto plasmabile si adatta a diversi stili. In una parola, è in assoluto il taglio più fresco che si possa scegliere.
Cosa evitare: una scalatura che non rispetta le proporzioni. Il rischio? Se i ciuffi rimangono troppo corti sui lati e troppo lunghi nella parte posteriore, il taglio risulterà disequilibrato e l’effetto molto poco giovanile, anzi.

pixie-scalato-classico

IL TAGLIO LUNGO MA SCALATO
Cosa chiedere al parrucchiere: stratificazione graduale e morbida. Questo è il taglio che meglio si addice a color che hanno capelli fitti e corposi. I livelli dovrebbero partire dal più corto: lungo non oltre la guancia, il medio: all’altezza del mento, e il lungo: che arriva alle spalle (e oltre).
Perché fa sembrare più giovani: il lungo ingentilisce i lineamenti, il lungo scalato ancora di più. I capelli lunghi poi, sono per eccellenza il taglio più young in assoluto, e nella versione scalata la scelta più contemporanea che si possa fare.
Cosa evitare: scalature nette, soprattutto all’altezza degli zigomi. Parola d’ordine per questo taglio è: gentilezza.

taglio-lungo-ma-scalato

LA FRANGIA O IL CIUFFO FRANGIA
Cosa chiedere al parrucchiere: usare le parole “soffice” e “leggero” per assicurarsi un taglio equilibrato che sia corto al punto giusto. Ila parte più corta del ciuffo deve terminare all’altezza del sopracciglio, quella più lunga raggiungere lo zigomo.
Perché fa sembrare più giovani: sia la frangia che il ciuffo frangia oltre a regalare allure sbarazzina e attitudine forever young, nascondono le imperfezioni e le rughe della fronte. L’asimmetria del taglio inoltre crea l’illusione di una maggiore pienezza, molto teen.
Cosa evitare: una frangia troppo netta. Un taglio da lasciare alle giovani e giovanissime. Disegnare una linea troppo dura sulla fronte rischia di indurire lo sguardo.

la-frangia-o-ciuffo-a-frangia

 

IDEE REGALO…..

Cofanetti di Natale

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lo shopping natalizio è in piena frenesia. C’è chi prepara anticipatamente la lista dei regali evitando il caos generale delle feste e chi invece come me, ogni anno, si riduce agli acquisti last minute. Devo ancora fare tutti i regali e la lista è veramente lungha….:-) 🙂 🙂 Intanto oggi voglio condividere con voi delle idee regalo che ho intenzione di prendere.

Voglio proporvi i cofanetti più interessanti lanciati sul mercato appositamente per le festività di Natale.

La vie est belle di Lancôme, è ormai entrata di diritto tra le profumazioni classiche in stile evergreen.
Contenuto: Eau de Parfum e latte corpo da 50ml, insieme ad una mini soluzione da borsa. Prezzo 75,95 euro.

di Giorgio Armani, non poteva di certo mancare per le sue note sofisticate.
La confezione contiene: Eau de Parfum 50ml, latte profumato per il corpo e un gel doccia, entrambi da 75ml. Prezzo 77,95 euro.

For Her di Narciso Rodriguez, è in testa alle richieste femminili. Sensuale ed elegante nel suo packaging rosa e nero, mostra un’eleganza sempre gradita.
Contiene: Eau de Toilette, gel doccia e latte corpo, tutto da 50 ml. Prezzo 77,50 euro.

Miss Dior di Christian Dior, offre alla propria clientela un cofanetto di lusso alla quale è difficile resistere.
Contiene: Eau de Parfum 50 ml, più un vapo da viaggio comodamente ricaricabile. Prezzo 99,95 euro.

Tra gli altri pacchetti i più gettonati sono:

Lady Million di Paco Rabanne (prezzo 66,90 euro), Angel di Thierry Mugler (prezzo 69,95 euro), Chloè by Chloè (prezzo 79,90 euro), CK One di Calvin Klein ( prezzo 49,90 euro), Flower by Kenzo (prezzo 80,50 euro), Flora by Gucci (prezzo 76,95 euro) e Dolce&Gabbana Light Blue (prezzo 46,95 euro).

VESTIRE DI ROSSO SENZA SEMBRARE BABBO NATALE

Il rosso è il colore del Natale per tradizione e quest’anno è chic nelle nuances del rubino, prezioso e intenso.
Lasciatevi ispirare dalle sfumature di questa gemma misteriosa per il look delle feste.

thTX9MS9AY

Ecco per voi 10 regole per… vestire di rosso senza sembrare Babbo Natale

La suola rossa delle vostre Louboutin improvvisamente non vi sembra più abbastanza rossa e siete prese da un irrefrenabile desiderio di indossare maglioni con le renne alla Mark Darcy in “il Diario di Bridgette Jones”? Il Natale può fare quest’effetto. Mantente la calma e attenetevi a poche semplici regole per indossare il rosso senza sembrare una strenna natalizia.

1. Promemoria: lo sapete vero che il nero snellisce? Il rosso invece no! Pertanto, siate oneste con voi stesse, potete permettervelo?

2. Niente renne né fiocchi di neve. Se per voi i motivi nordici sono irresistibili, vedete di smorzarli almeno nei colori.

3. Vietati i fiocchi (C’è bisogno che commenti?)

4. Eliminate anche gli orecchini chandelier, sembrereste un mix tra Santa Claus e un albero di Natale.

5. Indossate un accessorio rosso (sì, soltanto uno!), una sciarpa, una borsa o un paio di scarpe, per ravvivare i marroni e i beige del guardaroba invernale.

6. Rosso di sera… se è Valentino (meglio ancora se vintage).

7. Evitate il bianco. Chi è che indossa un vestito rosso profilato di bianco e se ne va in giro la notte di Natale con una slitta trainata da renne?… Mi avete capito.

8. Dosate l’oro. Perché non provate piuttosto abbinamenti cromatici che si scostino dalla tradizione natalizia? Abbinate al rosso i colori neutri come il cuoio o il nude, oppure mettete insieme due diverse nuance di rosso per un più trendy ton-sur-ton.

9. Occhio alle implicazioni del colore rosso! Giuseppe Ungaretti insegna: “Sei comparsa al portone/ in un vestito rosso/ per dirmi che sei fuoco/ che consuma e riaccende.” (Vestita di rosso)

10. Se ancora il vostro spirito natalizio non è appagato, noleggiate un bel costume da da Babbo Natale ed esercitatevi nell’ “OH OH OH!”, per lo meno farete felici i bambini

Voi cosa ne pensate, amate il rosso?