MODA CAPELLI Autunno/inverno 2018

Quali saranno i tagli, le tendenze  più cool della moda capelli dell’autunno inverno 2017-2018? 

Dal wob al bowl, dal medio scalato alle onde vintage, le proposte per la prossima stagione soddisfano tutte le esigenze di look e di praticità. Comincia a farti un’idea…

shutterstock_485070154-980x480

 

La moda capelli dell’autunno-inverno 2017-2018 porta con sé grandi novità in fatto di tagli e  tendenze , ma riconferma al tempo stesso alcuni must-have che hanno spopolato nella stagione precedente e che continueranno a dare del filo da torcere alle novità capelli 2018, soprattutto per quanto riguarda i colori.

Ma procediamo con ordine. Quali saranno i tagli e le tendenze top da sfoggiare nell’inverno 2018? Via libera a scalature e tagli frastagliatihaircut cortissimi – specie se in stile boyish – onde vintage e riga in mezzo. Banditi i tagli alla pari e le linee geometriche e regolari: la moda capelli 2018 vuole dinamismo, volume e movimento. E la frangia? Ovviamente sì, ma mini o maxi: addio mezze misure, ma anche il ciuffo scalato conoscerà una stagione fortunata, soprattutto in abbinata con lob e wob sfilatissimi.

shutterstock_457582534-980x480

Le proposte per il prossimo autunno inverno soddisfano tutti i gusti e tutte le esigenze, dai tagli di capelli con frangia o senza, dal wob al bowl, dal medio scalato alle onde vintage.  Scorri la gallery con i trend visti alle sfilate A/I 2017-2018 e scegli il tuo taglio di capelli del cuore.

LA MINI FRANGIA

La frangia cortissima e dritta è trendy quando completa un taglio di capelli lunghi leggermente scalato. Perfetta sui capelli lisci, sta bene anche a chi ha i capelli leggermente mossi (sfilata Adeam).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-adeam

Il bowl cut

Chi ha lineamenti sottili con zigomi pronunciati (sconsigliato a chi il viso tondo) e capelli lisci e sottili può lanciarsi in un bowl cut o taglio a scodella, il taglio di capelli di moda negli Anni Sessanta (sfilata Akris).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-akris-1.jpg

Il medio scalato

I tagli pari abbandonano la scena per lasciare spazio ai tagli con punte molto scalate e sfilate, soprattutto sulle lunghezze medie, con giochi di volumi e movimento (sfilata Akris).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-akris

La maxi frangia

La frangia non ha mezze misure: è cortissima oppure lunghissima a coprire le sopracciglia e anche oltre. Si abbina ai capelli lunghi ma anche a tagli di capelli corti come il bob e il lob (sfilata Each x Othe)

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-each-x-other

Il bob corto

Cortissimo e con sfumatura alta. Questo caschetto, che ha lunghezze medie davanti e cortissime dietro, rende il massimo con i capelli naturalmente mossi, ma è adatto anche a chi ha capelli lisci e grossi (sfilata Dior Haute Couture).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-dior-hc.jpg

Il pixie cut

Adorato ancora oggi da molte celebrities, il PIXIE CUT ( ovvero taglio folletto)  ha segnato un’epoca: gli Anni Sessanta, grazie anche alla sua testimonial più famosa, Twiggy. È ancora attualissimo, con le sue ciocche scomposte di diverse lunghezze, corte dietro e più lunghe davanti (sfilata Les Copains).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-grinko

Lunghi con le onde

Per chi ha capelli folti, spessi e naturalmente mossi, è perfetto questo taglio più lungo davanti e più corto dietro, con punte sfilate e mosso da onde morbide e regolari. Da abbinare alla scriminatura centrale (sfilata Dior).

tagli-capelli-autunno-inverno-2017-2018-dior.jpg

 

Il wob sfilato

Tagli capelli 2017-2018: le tendenze per l'inverno

Il lob mosso o wob, si porterà con la riga centrale e con le punte scalate e sfilate. È adatto sia a capelli sottili, sia a capelli grossi (sfilata La Perla).

 

Il corto à la garçonne

Tagli capelli 2017-2018: le tendenze per l'inverno

Taglio intramontabile, il corto à la garçonne, ovvero alla maschietto torna ogni stagione. Quest’inverno ha un mood più femminile, ammorbidito da ciuffi e basette lunghe (sfilata Grinko).

La frangia con lo sfilato

Tagli capelli 2017-2018: le tendenze per l'inverno

La frangia lunga che copre le sopracciglia, quest’inverno andrà in coppia con un taglio di capelli lungo, scalato e sfilato (sfilata Lutz Huelle).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quale taglio preferite ? 

I 4 tagli di capelli da provare perché fanno sembrare più giovani.

Come ottenerli, pettinarli e preservarli. Beauty-tips per forever Young!

 

Se esistono i tagli perfetti per le over 30, quelli da evitare per non sembrare più vecchie, ci sono anche quelli (miracolosi?) da portare con gioia perché fanno sembrare più giovani. L’importante è azzeccarlo e pettinarlo al meglio. Ma a quale compromesso, penserete. Praticamente nessuno perché i tagli più freschi e divertenti non sono per forza i più audaci.Non solo il corto fa teenager, anzi. Ecco 4 tra i tagli forever young da provare questa estate e sempre:

IL BOB CLASSICO
Cosa chiedere al parrucchiere: un bob angolato che sfiori il mento e che diventi progressivamente (ma non troppo) più corto via via che si arriva alla parte posteriore. N.B.: se avete i capelli fini, meglio scegliere un taglio netto e non progressivo, in questo modo la chioma acquisterà più volume.
Perché fa sembrare più giovani: il bob regala al volto una dolcezza inaspettata, e la diagonale fa sì che l’attenzione si concentri sullo sguardo e l’angolo creerà l’illusione di avere zigomi più sollevati.
Cosa evitare: il taglio bob troppo corto rischia di non essere più un bob. Il taglio nella parte posteriore non deve superare la linea della nuca, o l’hairstyle apparirà disordinato. Su visi dalla forma tonda, evitare il bob arrotondato, preferitelo sfilato.

bob-classico

IL PIXIE SCALATO E SFILATO
Cosa chiedere al parrucchiere: un taglio corto, il più possibile scalato e leggero. Questo look “a strati” archivia l’eccessiva definizione che coloro che hanno lineamenti marcati dovrebbero evitare. La lunghezza del corto non deve superare la metà del collo.
Perché fa sembrare più giovani: la stratificazione assicura pienezza e volume. È questo il taglio consigliabile a coloro che hanno capelli sottili e molto sottili, specialmente sui lati o nella parte posteriore della chioma. Il taglio corto e scalato permette anche di giocare con il look ed essendo molto plasmabile si adatta a diversi stili. In una parola, è in assoluto il taglio più fresco che si possa scegliere.
Cosa evitare: una scalatura che non rispetta le proporzioni. Il rischio? Se i ciuffi rimangono troppo corti sui lati e troppo lunghi nella parte posteriore, il taglio risulterà disequilibrato e l’effetto molto poco giovanile, anzi.

pixie-scalato-classico

IL TAGLIO LUNGO MA SCALATO
Cosa chiedere al parrucchiere: stratificazione graduale e morbida. Questo è il taglio che meglio si addice a color che hanno capelli fitti e corposi. I livelli dovrebbero partire dal più corto: lungo non oltre la guancia, il medio: all’altezza del mento, e il lungo: che arriva alle spalle (e oltre).
Perché fa sembrare più giovani: il lungo ingentilisce i lineamenti, il lungo scalato ancora di più. I capelli lunghi poi, sono per eccellenza il taglio più young in assoluto, e nella versione scalata la scelta più contemporanea che si possa fare.
Cosa evitare: scalature nette, soprattutto all’altezza degli zigomi. Parola d’ordine per questo taglio è: gentilezza.

taglio-lungo-ma-scalato

LA FRANGIA O IL CIUFFO FRANGIA
Cosa chiedere al parrucchiere: usare le parole “soffice” e “leggero” per assicurarsi un taglio equilibrato che sia corto al punto giusto. Ila parte più corta del ciuffo deve terminare all’altezza del sopracciglio, quella più lunga raggiungere lo zigomo.
Perché fa sembrare più giovani: sia la frangia che il ciuffo frangia oltre a regalare allure sbarazzina e attitudine forever young, nascondono le imperfezioni e le rughe della fronte. L’asimmetria del taglio inoltre crea l’illusione di una maggiore pienezza, molto teen.
Cosa evitare: una frangia troppo netta. Un taglio da lasciare alle giovani e giovanissime. Disegnare una linea troppo dura sulla fronte rischia di indurire lo sguardo.

la-frangia-o-ciuffo-a-frangia

 

LE SALON DE LA MODE

ISPIRAZIONE

Nasce nel ‘600, con Catherine De Vivonne, il concetto del celebre salotto parigino dove cultura e confronto entrano in sinergia dando vita ad atmosfere nuove ed inconfondibili. LE SALON DE LA MODE, presenta in modo del tutto originale un provisional shopping rivolto allo slow fashion made in Italy. Designers selezionati potranno entrare in un circuito nuovo, studiato appositamente per presentare e far conoscere, in uno spazio d’eccellenza e di prestigio, le loro creazioni.

OBIETTIVO

E’ di dar vita ad un format che vede protagonista lo stile unico e non convenzionale della grande italianità, valorizzando quella tradizione nazionale che viene intesa come patrimonio imprescindibile e come elemento di distinzione e di valore puro.

SELEZIONE DEI BRAND

La selezione dei marchi presentati è il risultato di un’approfondita attività di ricerca delle tendenze del momento e di un’attenta analisi dei consumi svolta da un team esperto nello studio dei trend.

STAFF TECNICO

Lo Staff Tecnico è costituito da un TEAM di esperti professionisti del settore. Tale gruppo di ricerca provvederà, inoltre, ad esporre i brands in maniera originale e creativa negli spazi predestinati, affinchè essi possano essere valorizzati con cura al massimo delle loro potenzialità.

VALORIZZAZIONE DEI BRAND

Attraverso una giusta selezione che permette una presentazione armonica e sinergica tra gli espositori.

LOCATION

Prestigiose

Comunicazione efficace attraverso i più importanti Media

Presenza dell’Expert Fashion in Brand

La garanzia della presenza di un membro Istituzionale che sostiene il VALORE del Made in Italy nel Fashion e nella sfera Design.

FINALITA’

Un lavoro prezioso ed attento nell’osservare il sistema fashion e non solo, darà la possibilità al pubblico di vedere, conoscere e infine anche per chi desidera acquistare le creazioni in un panorama estremamente glamour. Un lavoro, questo, prezioso e attento, che darà la possibilità al pubblico di vedere e conoscere, in un panorama estremamente glamour, il mondo del fashion, offrendo ulteriormente anche l’opportunità di acquistare i capi prescelti.

I LOOK PIU’ BELLI DI MADALINA GHENEA A SANREMO 2016

 

Al festival di Sanremo 2016 sono stati tanti i look belli di Madalina Ghenea ma ho pensato di fare una bella selezione e mostrarvi le sue best choices dell’intero evento. Lei è certamente una bellissima donna, dal fisico da modella nonostante le curve prorompenti. Ha indossato con stile e leggiadria le deliziose creazioni messe a sua disposizione dagli stilisti più bravi al mondo, tra cui Zuhair Murad, Alberta Ferretti e Vionnet. Alcuni abiti di Madalina Ghenea ci hanno davvero lasciato senza fiato: scopriamo insieme quali sono i 5 migliori look della splendida valletta di Sanremo 2016.

Durante la prima serata del festival di Sanremo, la bella Madalina Ghenea ha sfoggiato un tris di abiti Alberta Ferretti. Uno però è stato nettamente migliore di tutti gli altri e si tratta, senza ombra di dubbio, del secondo. È un vestito nero dalla forma a sirena e impreziosito da leggere piumette nere, applicate sulle spalline, sul fondo della gonna e anche sullo strascico. Il tutto è stato magistralmente coordinato ai meravigliosi gioielli di Damiani, messi a disposizione della splendida attrice rumena. Il risultato? Classicamente impeccabile.

La seconda serata del festival di Sanremo 2016 è stata sicuramente la più bella dal punto di vista del fashion, ma solo per quanto riguarda la Ghenea. Per l’occasione ha avuto a disposizione dei meravigliosi abiti di Zuhair Murad, lo stilista tra i più amati a Hollywood, tanto che le sue creazioni sono spesso in competizione sui red carpet più importanti, come quello degli Oscar. Ad ogni modo, Madalina Ghenea ci ha stupiti con un elegantissimo vestito colore celeste glaciale, ricco di lustrini, realizzato dal noto designer.

Sempre dalla seconda serata del festival di Sanremo 2016 recuperiamo lo splendido abito rosso, usato per la seconda parte della puntata. Questo, rispetto al precedente, è un modello molto ampio e pomposo, quasi hollywoodiano e principesco, ma dobbiamo ammettere che il colore le dona particolarmente e questa creazione di Zuhair Murad, accompagnata sempre da gioielli Damiani.

La quarta serata di Sanremo 2016 non è stata un granché dal punto di vista dei look e nemmeno Madalina Ghenea ci ha regalato nulla, ma nel finale, per il suo ultimo cambio d’abito, ci ha stupito tutti con un’altra sublime creazione firmata Zuhair Murad. Il vestito scelto è di un bel blu scuro, un modello mesh fatto di tulle leggerissimo, lavorazioni in pizzo e cristalli applicati nei punti strategici. Un nude look che ha fatto sognare.

 

Per la finale di Sanremo 2016 Madalina Ghenea ha potuto far sfoggio nuovamente di tre abiti firmati Zuhair Murad (che donna fortunata!). Ancora una volta ha scelto il tris blu, rosso e perla e l’abito più sorprendente, quello che ci ha lasciato davvero senza parole, è stato senza ombra di dubbio il primo. Si tratta di una magnifica creazione di haute couture degna dei più importanti red carpet internazionali. A Sanremo vestiti così neanche se li sarebbero sognati prima, ma questa volta sul palco abbiamo assistito a una vera e propria favola. La modella e attrice rumena ha scelto un long dress ballgown, con top effetto nudo completamente ricoperto da cristalli argento e blu notte, gonna a portafoglio con spacco centrale e strascico. Una vera e propria regina!Look-Madalina-Ghenea-sul-palco

E a voi quale look è piaciuto di più?

Questo slideshow richiede JavaScript.